Luca di Donato - Organista del Pontificio Organo Dom-Bedos della Basilica di San Domenico in Rieti
 
  English Version  |  
 
 
Chiesa San Domenico (Casale Monferrato), 20/05/2011 21:15


Breve storia dello strumento:

Nel 1878 Giovanni Mentasti, fratello di Paolo Mentasti, organaro che visse in Casale 
Monferrato, 
amplia lo strumento.
Aggiunge un secondo organo espressivo con relativa tastiera e meccaniche, sistemato sopra 
il grand'organo, aggiunge anche un registro di Basso di 8' alla pedaliera.

Nel 1898 Giuseppe Gandini riaccorda lo strumento, sostituisce la vecchia pedaliera a 
leggio con una rettilinea di tipo moderno e di 24 pedali, sostituisce i registri ad 
ancia del grand'organo con altri ( due vilini soprani e l'oboe) più conformi alla 
riforma ceciliana e trasfoma il registro di Trobone 8' bassi alla pedaliera in Bombarda 16' bassi.

nel 1931 Giuseppe Gandini ritorna in San Domenico, riaccorda l'organo, aggiunge i freni 
armonici alle canne di prospetto e a molte canne interne, aggiunge un registro di 
viola bassi e due registri di bordone, nonchè l'Unda Maris al primo Organo.

Nel 1960 la ditta Krengli di Novara fa una pulitura generale dello strumento ormai 
in condizioni precarie. Non è stato riscontrato nessun intervento di merito a carico di
quest'intervento.



Torna indietro
 
 
 
 

Seguimi su: